Carta fotografica opaca o carta fotografica satinata? La questione si pone ogni volta che è necessario stampare. Ogni tipo di carta presenta dei vantaggi. Come fare a scegliere? Scoprite i consigli di Canson® Infinity per aiutarvi al momento della stampa fine art.
 

La carta fotografica opaca 

 
Per le foto che saranno soggette a manipolazioni o spostamenti con una certa frequenza, la carta opaca è molto adatta in quanto è più consistente. Non solo è meno suscettibile alle impronte digitali, ma in aggiunta, è più resistente alla luce. La carta opaca è particolarmente indicata per i book fotografici che vengono guardati e passati di mano in mano.
Se si prevede di esporre la propria foto, la carta opaca è l'ideale perché non produce alcun riflesso. Ha l'aspetto di una vera e propria carta e le luci non si rifletteranno sulla superficie.
 
Infine, la carta fotografica opaca come Canson® Infinity Rag Photographique assorbe più inchiostro. Offre quindi un'immagine molto più contrastata, i neri sono netti e potenti e la resa delle prospettive consente di sublimare la vostra foto. Questo è il motivo per cui la carta opaca è spesso consigliata per stampe di foto in bianco e nero o dai colori cupi (marrone, grigio, verde scuro, ecc.).
 

La carta fotografica satinata

 
La carta fotografica satinata come Canson® Infinity PhotoSatin Premium RC risponde ad altre aspettative. Ha caratteristiche molto simili alla carta fotografica lucida e permette, tra l'altro, di ottenere un'ottima resa cromatica. I colori vivaci (arancio, rosso, ecc.) sono particolarmente dinamici e offre splendide sottigliezze nella resa delle sfumature.
Tuttavia, differisce dalla carta lucida per qualche riflesso che si rifrange sulla sua superficie. Un vantaggio quando si desidera esporre le proprie foto.
 
In ogni caso, non esitate a farvi consigliare da uno stampatore certificato Canson® Infinity. Egli sarà in grado di consigliare la carta fotografica idonea per sublimare la vostra opera e offrire stampe fine art di alta qualità.
Ritorna alle FAQ