Durante questa fase, l'operatore utilizza diversi strumenti di correzione (curve, livelli, luminosità, contrasto, saturazione, correzione selettiva, ecc.) presenti nel software di editing, come Photoshop, Lightroom o altri programmi dedicati. 

È durante tale processo che l'operatore regola l'immagine secondo i suoi gusti e la sua sensibilità, a questo punto può utilizzare il "soft proofing" della gestione del colore per controllare in anteprima su un display calibrato il risultato dei ritocchi prima della stampa finale (simulazione del profilo di destinazione, nel nostro caso il profilo ICC, della combinazione carta/stampante).

Nota: includere sempre il profilo ICC interno dell'immagine al momento della registrazione.
Ritorna alle FAQ